Home Sonetti

Ultimi sonetti inseriti

I sonetti più letti

festa dei cugini 2016

 

Non sacce  a che steme?…a che edizione?

ma  co vù è sempre ‘na bella emozione

Certo fra parenti e acquisiti ci vedeme  poche

ma è j’uniche mode pe’ tene’ appicciate ‘ste foche

 

Seme alberi sinceri e forti de radice

e quande steme ‘nsiema faceme ‘na bella cornice

rempieme ‘ne quadre de facce pulite

che hanne progredite e se so’ istruite

 

Cugini de prima e de seconda generazione

tutti felici comma  fatti co’ la carta carbone

ci  scambieme  sorrisi e  strette de mani

e se vede che seme portatori de principi sani

 

Io con queste non voglie fa’ la paternale

e manche me sente de fa’ a nisciune la morale

ma voglio solamente  esalta’  ‘ste sentimente

de  ‘sta  generazione senza commente

 

Oggi  so’  tempi  particolari

se parla scì… ma solo con i cellulari

la gente  pure se ci fa a tuk

ci pu’ parla solo attraverse facebuk

 

Non sia mai che ‘n amiche tè   a trova’!

mica comma ‘na vota.  Egnaaa!  mò non ci pensa’!

prima in online ja da contatta’

se magari è impegnate che sta’ a chatta’

 

e se sì sculate  podarsi che je ‘ncappe

doppe  tre messaggi de wazzappe

ma se sta’  a scaricare ‘ne filmate

‘stì  frische a aspetta,’ te mure disidratate!

 

A mi me pare de sta’ mezze agli pazze

presempie du’ persone dentre je stesse palazze

a sona’ je campaneglie me sembra naturale

invece ci vutene tremila ponti e dumila centrale

 

oppure se je volisse invita’ a cena

Embee!  immagineteve la scena

collegamento a giallo zafferano

tre  linee di campo  cellulare in mano

 

la cucina ha da esse’ tutta attrezzata

per stupi’  con  ‘na  ricetta sofisticata

ma non sarrìa meglie passa’  ‘na serata

ch ‘’na bottiglia de vine e pane e frittata?

 

 E penza che  grande soddisfazione

se ci fa trova’ smorzata pure la televisione

accuscì pù parla’ de politica e de  letteratura

e magari pù  fa’ pure sfogge de cultura

 

Oggi  je  munne  è strane

la gente vo’ più bene a ‘ne cane

le persone anziane le mittene aje collegge

e  ‘ste  munne piu sta’ e più  va  pegge

 

Attorne a   se sente puzza de guerra

e pure je terramute ‘ncoppa le case pe’ terra

speriamo che non succede gnente in Abbruzzo

senza  nasconneci  je cape comma fa’ je struzze

 

e allora viva  ‘ste   beglie  radune

tutti contenti e non s’offende nisciune

se canta se ride e se scherza

e se passa allegramente  ‘na  giornata diversa

 

certo ogni tanto ci saluta qualche parente

contro je destine non ci poteme fa gnente

ma reenne arrete che gli ricorde

‘ste belle persone  non te le scurde

 

ma a  ‘ste munne tutte se rappara

manca all’improvvise ‘na persona cara?

E’ pronta ‘na squadra de cicogne innamorate

che te sfornano tre quattro cucciolate

 

e allora  me sente in dovere

di chiamare subbite je prime cameriere

che guai a isse se se presenta senza spumante

perché ha da rempì je bicchiere a tutti quante

 

e voglie saluta co’ ne chicche de storia

che significa cugine? E perché  merita ‘sta  gloria?

consobrinus accuscì da  du’ parole è formate

e i latini civene propria azzeccate

 

con = insieme e sobrinus = sangue  cuscì è  composta

ahoo… pare propria fatta apposta

le sapivene pure gli antichi che la parola cugine

è perfetta comma je bicchiere  ’nsiema alle vine.

 

In alto i bicchieri comma fusse ‘na fiaccola sportiva

strilleme forte:    tre vote  evviva evviva evviva

e finchè ci assiste la capoccia e la salute

so’  sicuro  ca  ci  ne  faceme ancora  tante de bevute.

 

 

Ettorino

 

 

 

 

Plin plon si avvisa che ‘ncima aje trene avezzano roma

seconda carrozza ci sta une  in coma

Se reconosce da ‘na manovella ancora in mane

e pare dirette alla stazione d’ Avezzane

 

è  n’ome  piccolitte  daglie sguardo depresse

ancora non se rende conto ca  successe

dipendente  delle ferrovie dello stato

e mò non serve più e janne congedato

 

una vita a commatte co cemente ferre e profilati

perzino a  Brescia Uhhh quanti anni son passati

po’  è entrate in ferrovia come manovratore

oggi la targa dei colleghi gli fa tanto  onore

 

ma pure aje sport è stato  ‘ne campione

je chiamivene  “l’ira di Dio” e senza  presunzione

da ‘n articole del “ Tempo “ del febbraio settantune

come isse  non c’era propria  nisciune

 

L’ira di Dio… egna!!!  Dalle stelle alla padella!

oggi a malappena  je soppurtene le figlie e Lorella

che ogni tante allucca : ”scibbene mì”

le FFSS se j’anne levate e me janne  appioppate a mì

 

Embèè  t’hanne date pure ‘na  bella buonauscita!!

“ma le chèèèè…  quella gia è bella che finita”

‘ne palazze appena terminate

po’ mitteci pure du’ figlie maritate

 

Insomma caro Ettorino ancora ha da  ‘ncordà

e moglieta in pensione ancora non ti ci vò mannà

comma te vedo brutte  tra  matrimoni e palazze

caro  Ettorine… non t’hanne  lassate  ‘ne  cazze!!!

 

n’atre piane  ehhh  ma solo  lavori interne

e fatteglie piane piane magari a giorni alterne

vedi tu …a seconda comma gira je sole

‘mpasta giuste ‘ne pare de cariole

 

Da quande non funziona je rame de fagge

te sfughi alla terra pure con  gli ortagge

Aho!! …ha  fatte n’orte pare je scale tiburtine

binari  de scarola peperune basiliche e rosmarine

  

e se diverte che je impiante a gocce

scambia  e manovra fra pummidore e cococce

insomma  dalla stazione tiburtina

 s’ha  ridotte a parla con qualche  caglina

 

a proposite de cunigli e cagline

e le vere che se l’ hanne frecate i marocchine?

fortuna che je porche  ci  fa  schife

sinnò non ci lassivene manche je scife

 

Caro Ettorino… care penzionate

de salute si tutte raccroccate

mò stì ch n’ovitte sbattute la mattina

e la sera ‘ne piattine de minestrina

 

comunque mò sinte a mì

fortuna che ci stanne quelli del martedì

che quande ‘n amiche sta in difficoltà

conuscene ‘na terapia  che je fa ravvivà

 

è  ‘na terapia comme te pozze dice

ci  se mittene attorne comma ‘na cornice

‘na sbrasciata de ciccia innaffiata de trebbiane

na spasa de ravioli e fettuccine fatte a mane

 

 e la ventresca:  si viste comma Luigione la prepara?

pare ‘ne pavimente de marme de carrara

e pò quije profume che t’arriva fine aje core

a che serve che te contrulle je colesterolo?

 

E appresse parte ‘ne hippe  hippe  da tutti quanti

e  ‘ne brindisi  che ‘na scarica de tappi de spumanti

che rende  onore a  ‘na  persona leale e onesta

alla quale ci voleme fa  ‘na  grande festa!!

 

e oggi qui aje Coralle è je poste giuste

e a ‘ste cose nù  ci piglieme propria guste

Angioletto con la cucina sa fa’  le stravede’

te  rallegra le bodella daglie antipaste  aje caffè

 

E allora mò m’avvie alla  conclusione

Lore’  quande ci ha remaste della liquidazione?

Pe’  chiude allegramente  ‘ste  romanze

spero che ci so’ remaste i sordi  pe’ ‘ste pranze

 

 

                           

 

luciana

 

 

 

 

Luciana

 

 

 

Seria e precisa nell’ aspetto

ma fredda se uno te guarda da de fori

capace de gelà con un sorrisetto,

chi se presenta  ardente con i bollori

 

so’  innamorato de te lo ammetto

e tu de me non te innamori

eppur  me te porterei a letto

pe’  fattene di tutti li colori.

 

Chissà  magara ariverà quer  giorno

che te comporterai meno pudica

nel caso cercherò de sta li intorno,

 

nel frattempo lascia che te lo dica,

di tutto ciò non me ne frega un corno

perché me piaci un sacco come amica.

 

 

 

 

silenziosa serenata

Questa è una silenziosa serenata

senza musica solo recitata,

è  tardi stasera e sto' solo per la via

voglio dedicare al mio amore versi di poesia.


Per compagna ho la pace della notte,

un gatto che miagola e mi sfotte,

per candela la luce fioca d’un lampione

e lo sguardo mio che guarda quel  balcone.


Il vento ruffiano si è calmato,

la Luna mi guarda in mezzo al ciel stellato

e attende che si rinnovi quel mistero

che nasce quando c’è l’amor sincero.


Questa è una serenata silenziosa

forse è strana, forse è curiosa,

ma nasce da un cuore che canta l’amore

sotto a un balcone senza far rumore.


Aspetto che spunta la mia stella,

fra le tante è proprio la più bella.

Nascosta timorosa dietro una tenda

desidera che la sua luce in me risplenda.


Questa è una serenata silenziosa

che ha svegliato nel sonno la mia sposa,

con dolci parole, senza orchestra

felice fino a che aprirà quella finestra.

 

Je cucule

 

 

Ogni bestia se une ci riflette

d'ogni ome tè j stessi difette

j'asene rappresenta la pazienza

je leone invece la prepotenza


I picciuni so' l'esempio dell'amore

sempre a tuba' pe' l'ore e l'ore

se une je chiamene cuniglie

è perchè tè 'na frega de figlie


Inzomma j’ome pe’ la scì e pe’ la nò

è comma le bestie sì capite mò !

però isse usa la parola sa legge sa scrive

invece la bestia tè sole j’istinte primitive


po’ ci stanne gli animali che non sirvene a gnente

che non so’ boni  ‘ne pè issi ‘ne pè la gente

le zanzare le magnacozze i pedocchie i puce

ahoo… più j'accide e più se reproduce


Ma ‘ne animale che propria non me facce capace

che pure a sforzamme propria non me piace

e je cucule … je cucule luchese

è ‘na specie rara che sverna dentre je paese


D’aspetto è propria fatte male

è une degli errori de je regne animale

certe già nasce che ‘na brutta sorte

tarchiate e ch  le zampe corte


frequenta i nidi de atri uccelli

non rispetta manche i frategli

fino a quande tè la compagna

non se rivela sfrutta e magna


ma se ci se more la consorte

se fa piglia’ daglie sconforte

da cucule diventa caglinacce

e comincia all’improvvise a fa fregnacce


Se scorda quele che se chiama je rispette

d’altra parte je tè pe’ vizie ‘ste difette

‘na vita vissuta a fa je paracule

è questa è la reputazione de je cucule


E quije luchese è particolare

a di’ la verità è più uniche che rare

je pù trova’ ‘nanzie aje bar a tutte le ore

elemosinenne qualche passera pe’ fa l’amore


Oppure va a ‘nzurda’ quacche vedova o separata

fino a quande non trova chi ci da ‘na tortorata

D’altronde je cucule è nate senza morale

infatti le cervella le usa solo pe’ j’apparate genitale


E se quacchidune ci fa un’ obiezione

ha da vede’ comma se reveste de presunzione

cambia de colore abbotta je vavacce

e caccia' gli artigli comma ‘ne caglinacce


e te tira fore ‘na lengua biforcuta

che è più velenosa della cicuta

inzomma da cellitte già è ‘ne ‘mbiastre

vò fa je gallo cedrone…invece è ‘ne pollastre


D’altra parte quande une diventa cucule

tutti se sa je mannene affancule

perde gli amici perché non vale ‘ne cazze

e je trattene comma fusse ‘ne pupazze


Allora che fa je cucule quande vè scacciate?

comincia a mette zizzania raccontenne puttanate

mette discordia è dice ‘ne cazze pe’ n’atre

e recita fra i cellitti comma ‘n attore de teatre


Non perde occasione de fa je vittimista

ma comma ropre la occa t’accurge che è egoista

sempre a vantasse ca fa je mandrille

e po’ caccia le lacrime comma je coccodrille


Trilussa je popole je diletteva ch la rima

ma ai potenti invece ci faceva la scrima

a tutti ch la rima ci faceva la paternale

e aje poste delle persone ci metteva ‘n animale


Se pozze aje cucule ci voglie consiglia’ ‘ne specchie

viste che de stronzate ne ha fatte parecchie

e non se pò perdona' chi  che oltre fa’  ‘na vita indegna

e pò se lamenta se perde la stima…pe’ ‘ne pije de fregna!!

 

 

 

 

 

 

 

 
Altri articoli...