Home Sonetti

Ultimi sonetti inseriti

I sonetti più letti

Je Lungotevere

 

Ti presente quande non vù fa’ gnente

quando te volisse allontana’ da certa gente

quande te si rutte i coglioni

e volisse sta’  solo con gli amici boni?

 

e magari  passa’  du’  orette in allegria

circondate da  ‘na bella compagnia?

E  mentre te gude  ‘ste  piacere

accarizze che la mane je bicchiere

 

pijne de quije profume de Marzemino

che ogni anne ci procura Walterino

Ogni surse è comma ‘ne sorrise

che ci arriva dalle vigne de Trevise

 

E se sa’ addò une trova je guste

non ci pò  manca’  j’arruste

perchè se se lamentano le bodella

j’uniche rimedie so’ le bistecche de vitella

 

pe’ prima  ‘na carbonara de ova e guanciale

e doppe ‘ne spezzatine de cinghiale

e  se per case une è depresse

‘na grigliata de savecicce appresse

 

e se ancora non sì stufe

arriva Biagio ch pizza funghe e tartufe

‘ne contorne de pummidore inzalata de pregio

appena raccovete aje orte de Sergio

 

Doppe mezz’ora non se sgarra

attacca Nello con la chitarra

parte je coro immediate

e …ci ne fusse une che sia ‘ntonate !!

 

Angelo che ‘na faccia roscia roscia

dice a Nello sona: Bandiera  Roscia?

“mannaggia San Cesidio” urla l’opposizione

perché nisciune vo’ sentì quella canzone

 

Sabatine  esperto di alchimia casareccia

distilla rose genziane e estratti di corteccia

sciroppe d’ortica rosmarine e  ramegna

“e porta qualche vota ‘ne sciroppe de tregna”!!

 

Insomma ognune sa pigliate  ‘na toppa

compreso Aldo “la caglina cioppa”

Sergio  Santaromana e Romelitte

     fanne je test : a chi se regge ritte!!

  

Osvaldo se presenta ch  i diti rutti

comma ha succese le sapeme tutti

s’ha cascate perché ‘na sera

penzeva a Monica la cameriera !!

 

Giancarlo e Ernesto controllano la situazione

se guardano e escamene “Non c'è più religione”

“cominceme comma i frati  aje convente

e… finisceme allongati aje pavimente”

 

Tony pe chi non glie conosce

te la fissa …de pazzia tra le cosce

infatti pe’ isse è del tutto  normale

e j’uniche ch tè l’amante e la moglie ufficiale

 

‘Ne penziere me va a quela vagliola

che ci guarda e se consola

almene ‘nnanzie  a sa creatura

non faceme brutta figura

 

e aspetteme ch se fa grossa

accuscì  ci la roscecheme ciccia e ossa

Hip hip …  alla  vitella

quande è cara quande è bella

 

e  n’atre penzierine

aji  porche loche vicine

quande soì begli quande so’ aggraziate

figurete quande divintene presutte e lombate

 

Ma addò sta’  ‘ste  Santuarie

addò non se controlla mai j’orarie

addo’ aje poste delle preghiere

se canta messa che je bicchiere?

 

Addò non servene  prete o frate

basta ‘ne foche che ‘ncima le grate

addò aje poste della bibbia

t’ha da allenta’  la fibbia

 

e non ci serve je navigatore

basta che sinte della griglia j’addore

addo’ la musica la fanne i bicchieri

e aje cape te se levene i penzieri

 

Scuseteme la presunzione e senza offesa

a ‘sta tettoia San Pietro ci sarria fatte ‘na chiesa

je papa sarrà pure Turco ma m’ha da credere

teneme je Vaticane è di fronte  “je lungotevere”

 

 

Cinquant'anne

Viste che seme arrivate a cinquantanne,

me sente de scrive du’ righe pe’ tutti quante:

cerche de trovà de vù quache difette

e in rima dedicarve ‘ste sonette

.

Steme a n età de fa' le riflessioni

pe’ vede' se seme stati giusti o boni,

se seme sapute affrontà delizie e guai

o se seme stati ‘ne poche marinai...


Figli de dopoguerra e che le scarpe sfonne;

mò che ji sorde gireme tutte je munne.

Ci sta chi s'ha sposate e ha fatte famiglia;

e chi è nonne ese gode  la streppiglia.


Poteme di' che seme 'na bona generazione:

nemmene ‘na guerra seme date a 'sta nazione,

pure se seme fatte je quarantotte

a fa' ji bitte agli anne sessantotte.


I giovani de mò vivene meglie,

i vagliule e le vagliole so più sveglie:

alle discoteche pe’ balla fanne notte

e pe’ la fatica rintrene comma ceglie cotte.


Vu credete che ije scherze,

ma fra de nù e 'sti figli i tempi so’ diverze:

nù fidanzate ch' la suocera in presenza

e issi se ne vanne addò ci pare senza licenza.


Pe’ rimedia' ‘ne bascie da 'na vagliola

giuste giuste quande sceva pe’ la scola

e se non ci steva la viocca,

po’ darsi che se rimedieva pure la gnocca!


A nù basteva 'ne giradischi e 'na stretta,

alle scure t’abboritive pe’ roprì 'na camicetta

e, prima che arrivive a mette' la mane sotte,

pe' la rascia t’ iive già pisciate sotte!


Nen ci je meriteme i cazziatuni,

però quante vote seme fatte i cogliuni...

Quache vota seme state de bone maniere

e quache vota seme peccate de bicchiere.


Senza moglie ogni maschie aje bar se vanta:

chi se la sona e chi se la canta.

chi se vo' fa' crede che è ‘ne mandrillone,

e la moglie che sa la verità non po’ fa’ da testimone.


Smettetela de jie soli aje bar a fa' ije maschie,

e po' rentrete a brille e ve ritrovete che gli raschie!

Lassete perde le serata sceme!

ma non è meglie se ve portete la moglie ‘nsieme?


Mò aje nightclub va de moda

bicchiere 'mmane che whyski e soda;

trentacinquemila pe’ parlà che ‘na ucraina...

prima che tè la zumpi la saccoccia te rovina.


Refacete la corte alle femmen vostre;

so’ ancora giovani e le sese toste

e se n’n remartellete bene je chiove,

quesse se ne refanne une gnove!



Ve credete ancora conquistatori,

ma chi tè l’artrosi e chi è pijne de dolori,

a chi ci puzza e fiate, e chi russa la notte...

addò sta le sexy pe’ fa ddu botte?


Quacchidune s'ha ‘mborzite

e chi s'ha lassate che je marite.

Me recorde le vagliole taglia quarantadù...

mo’ pe fanne una ci ne vutene almene dù!


Ogni tante presenteteve ch le rose o le viole

e facetele resentì ‘ne poche vajole.

Portetele a spasse o in viagge

e ve se ravviva pure je rame de fagge!


Ma queste vale pure pe' le signore;

ai mariti redeteci ‘ne poche de' prudore!

Pure se questa è l’età che teneme i difetti,

volemeci bene e redemici i bascetti.


Questa è 'na generazione de passagge

e a fa’ 'na vita ‘nziema ci vò coragge.

Nisciune a tavola ch la famiglia parla più,

e de Biutifull n’n se ‘ne pò più.


Tante mò commanna la televisione

e j’affetti stanne dopo la partita in mondovisione.

Se sapeme approfitta' degli momenti begli

i figli non se fanne più manche i spinegli.


Chi ci penseva che diventavemme anziane...

mo’ steme a n’età che le toccheme ch le mane

e je future nostre se po’ dì che té sense

se sapeme campà che ‘ne poche de bonsense.


A vede' 'ste cinquanta candeline ‘ncima alla pizza

più passa je tempe e mene ci ss’arrizza;

prima le smorzavemme da ‘ne metre de distanza

mo’ respireme a mantice pe colpa della panza!


'Sta festa comunque ci consola:

ci rendeme conte che je tempe passa e vola!

Speriame che manteneme sempre 'ste sentimente

e gli anni remasti campemegli allegramente!


Me sente in dovere de di’ du’ cose

e voglie fa' 'ne complimente aje fije de Jose,

che è sempre ‘ne grande organizzatore,

‘nzieme a ‘ne beglie gruppe de valore.


Fa’ ‘na festa accuscì è difficile assai

e penza’ a tutte n'n ci se rresce mai...

tant le critiche le fa chi se je ratta

e chi pe arriva’ a tutte diventa cioccamatta.


A tutti quiji che n’n so’ venuti

mannemeciji lo stesse i nostre saluti...

magari se so’ risparmiati la saccoccia

ma chi non se sa divertì… fa 'na vitaccia!


Faceme n’ applause a chi invece non ci stà più

e che de sicure ci guarda da lassù:

so’ persone che ci hanne volute bene

e che c’aiutene alle difficoltà e alle pene.


Arzeme i bicchieri oggi, 25 aprile dumiladdù

e strilleme forte “Viva ije Cinquantaddu’”!

e te ll' dice pure in latine “semel in anno licet insanire”...

faceteci larghe “ca ci volem …divertire!!!”


In occasione del raduno della classe del '52, Ristorante “Angizia”

Luco dei Marsi, 25 aprile 2002

 

Pina Angelucci

Pina


 

 

Quande ‘na persona ije la rispette

a mode  mì ci le dimostre che  ‘ne sonette

e me perdona chi me è amiche

de tutte quele che ije ci diche

 

ma se sa  ‘ne sonette poche vale

se non ci sta’ ‘ne pizziche de pepe e sale

e certe volte  pe’ dire quele che pense

me tocca addopra’  ji doppi sense

 

E che ‘ste spirite oggi mette in rima

i pregi e difetti della cara Pina

e me ne freghe se Leandro  Giose

se  dovesse  incazza’ pe’ ‘ste cose

 

A isse già ci l’ha so’ fatta  la romanzina

avanti il prossimo… mò tocca a Pina

che oggi compie sessanta primavere

e a vedella …non me pare le vere !!

 

l’ origini se sono de razza “Schiorte”

e po’ de Leandro ha diventate la consorte

insomma je destine da quando è nata

embè…non è stata proprio fortunata!!

 

Se parleme  po’ della scola

pure loche non metteva “òla”

ch  ‘na poesia s’ha pigliate la  terza media

mah… pe’ se la ‘mpara’  fù ‘na tragedia

 

Insomma comma dice la storia

era tutte ‘ne problema de memoria

e mentre Leandro ci faceva le ripetizioni

co’ essa provivene le meglie  posizioni

 

a forza de scherza’ che la cultura

je risultate…arrivette ‘na bella creatura

e po’ Leandro pe’ non passa pe’ fesse

ci ne ficette fa’  n’atre appresse

 

A casa de ‘sta coppia se beve e se magna

spaghetti pulenna  fettuccine e lasagna

e je giorne appresse pe’ le…digerì

alla Cunnicella… pe’ le…smaltì

 

e quije monte ha diventate ‘ne calvarie

quande je vede Pina biastima tutte je rosarie

‘ne mese de salle e cala in tuta e scarpette

je risultate: fusse calata almene ‘n ette!

 

 Pina è bella pare ‘ne frutte d’albicocca

e diceme la verita è ancora ‘na bella gnocca

e non me voglie sbaglia’… ancora ci fuma

(pe’ la smorza’ Leandro più sta’ e più se consuma)

 

Ma  a nù ci piace accuscì prosperosa e tonna

mò è piu bella da quande è diventata nonna

de du’ creature  a di poche meravigliose

che purtene je blasone degli “Giose”

 

Certe ch Leandro non è facile esse la moglie

sempre a asseconda’ tutte le voglie

tutti conosceme  le solite richieste

“Pina!!... remunneme sett’otte mele …e leste!!”

 

Almeno se a carta  se ‘mparesse

e magari a Bestia je mannesse

sarrìa ‘na forma de rivendicazione

pe’ riscatta’ quela condizione

 

Ma Pina è comma ‘na bomboniera

‘na perla de persona umile e sincera

ca deglie gioche non se fa piglia’  la mane

anzi diceme la verita ci basta …‘ne divane

 

A proposito: “Pina se dovissi  a onor di gloria

de tutti i divani nostri fa ‘na graduatoria

a quali secondo te se dorme meglie o pegge?

ma non le fa sape’ a Elisa sinno ci vo je sparegge”

 

Ma  a nù ci piaci accuscì cara  Pina

bella  robusta  simpatica e genuina

che nascunni dentre a se paccarecce

n’anima piena de grazia e de dolcezze

 

che la tè solo chi è padrona de lealtà

avversa  a ne munne fatte de falsità

e ogni giorne pe’ non te fa frega’

comma dice mammeta:“so’ cazzi da caga’”

 

Oggi  ‘sta festa è tutta per ti cara Pina

 seme le api… e tu sì la regina

stritti  stritti a ti comma n’alveare

addò ci sta le miele de ‘ne fiore rare

 

illuminato da sessanta candeline fatte de cera

che so’ le stelle brillanti de ‘sta magica sera

che se riflittene dentro a sì occhi belli

che parene dù cofanitti  pijine de gioielli.

 

                                          

                                                         

                                          Con affetto   Angelo  Ripaldi

 

anita

                   

‘Ne fiore de coccarda trapuntata

‘na scritta sulla porta: “Anita è nata!”

Elisabetta che ‘na faccia accerita

stracca perché s’eva appena partorita

 

A fianche ‘ne fiore, le settebellezze

che appena viste je so’ rempite de carezze

appiccate alle sese ‘na bella creatura

mezza nascosta dalla ‘nfasciatura

 

Subbite ci so’ ditte: “Fammela vede’!”

la so’ pigliata comma ‘ne pezze de rolle’

che emozione, ‘ne fiore tante delicate

mmane a ‘ne nonne completamente ‘mbranate

 

Arriva Domenica e cambia la scena

alle mane me ‘sta citea ci faceva pena

me la leva dalle braccia impaurita

e la remette vicine a chi l’ha partorita

 

Subbite so’ arrivati i parenti

e hanne cominciate a fa’ i commenti

ognune che pigliava ‘mbraccio ‘sta figlia

la squadreva pe’ vede a chi se rassomiglia

 

E la si vista la boccuccia

pare pittata pe’ quante è caruccia

chissà de chi è ‘ste beglie nase

è de quachidune o è ‘scite a case

 

“Deglie padre non me pare, vista la scocca,

‘nfatti isse te’ ‘na bella ciabrocca!”

“Forse ‘ne poche alle pennazze!”

“Ma de che? Manche pe’ cazze!”

 

Nonna Anna appena l’ha vista

subbite ha ditte: “Te’ ‘ne polse comunista!”

E le recchie so’ de Betta spiccicate,

pare ‘na machina che gli sportegli spalancate

 

Anita è chiara e ‘ne poche rossiccia,

je padre nire comma  ‘n urze ch la pelliccia

e gli occhi de chi so’? Deglie padre,

della mamma o de quacchidunatre­­­­?

 

Responne Erina: “Per la madonna­­!

Quissi non sono manche della nonn­­­a!

Da do’ so’ ‘scite ‘ste du’ olive nere nere?

A mi me pare propria ‘ne mistere!

 

 Katia ‘ntira  a Santine la giacchetta,

‘na lacrimuccia e commenta: “È propria perfetta!”

Walter, capigli ritti e sguarde paonazzo

Pe je sonne dice: “Non ci ho capito un cazzo!”

 

Matteo invece dall’emozione

è gasato come un ciclone,

e dall’undici de magge che strilla: “Oddio, oddio!

So’ diventato zio, so’ diventato zio!”

 

Ognune dei presenti ci troveva pregi e difette

Ivan e Grazia zitti pe’ non se compromette,

insomma ognune se voleva piglia’ gli onori

po’arrivette l’infermiera... e caccette tutti fori

 

‘Sta vaglioletta e ‘ne bocciole de rosa regina

trasparente comma ‘ne chicco de uvaspina,

‘na cavallina de razza che la stella in fronte

due guance che fanne invidia all’orizzonte

 

Da quande è arrivate ‘ste splendore

voglie dice du’ parole che je core,

e ringrazia’ tutta ‘sta bella gente

che se trova ogge qui  presente

 

Fra i piatti ci sta ‘na bella rosa

‘na rosa che sta zitta e pare che reposa,

che se gode ‘ste spettacole senza di’ gnente

è ‘na presenza delicata, quasi evanescente

 

Che se fa senti’ sole che je profume

e che emana più luce de mille lume,

che porta le stesse sangue de ‘sta monella

e che vive lontane sopra a ‘na stella,

 

che pe’ l’occasione è partita dalla Luna

per portacce ‘ne messagge de bona fortuna,

e che quande non te l’aspitte è sempre  presente

e ci protegge ogni momente.

 

Mo m’avvie alla conclusione,

non pozze regge tutta ‘sta emozione.

So’ partite pe’ festeggia ‘na monella

e so’ fenite che je salute de ‘na stella

 

A forza de parla’ m’ha venuta  n’arsura

e allora brindeme in onore de ‘sta creatura,

che pozza campa’ mille e mille anni

senza guai e senza affanni

 

 

 

 

 

 

Liliana ( 80 anni)

Sarrà state verse je millenovecentoventinove
Giovanni e Santina ivene spusi gnove
“Forza a fa i figli ordinette je Duce
e j’uniche divertimente era je “strusce”...

Insomma quattre botte da cuniglie
Santina ficette ‘ne maschie e tre figlie
Angelo Liliana Imperia e Libera fine lista
formivene la cucciolata dell’epoca fascista

A quiji tempe le vagliole ivene controllate
e non ci steva je tempe pe’ fa’ l’innamorate
se poteva uscì solo pe’ ‘mpara’ l’arte
e tutte alle monache pe’ fa le sarte

e fra ‘ne ricame e ‘ne punte croce
je core de Liliana se comincette a coce
pe’ ‘ne vagliole dalla faccia sincera
figlie de Pompeo e della “Battagliera”

Ahoo… innamoramento a prima vista
pe’ quije meccaniche motociclista
ma non eva fatte i cunti ch Orizia
che non vedeva de bone occhie ‘sta amicizia

ma ste matrimonie ormai eva decise
e gli spusi non ci dittene pise
e quattre e tre sette
‘nanzie aje prete nel quarantasette

Poche persone alla funzione
testimoni de ‘sta bella unione
fatta ch tante amore
e la rabbia ca non se troveva je lavore

Loreto teneva ‘ne carattere forte e orgoglioso
dicette : ” mò prima me sposo
po’ vaglie a trova’ fortuna in terra lontana
e appresse facce veni’ pure Liliana”

In Venezuela tra sacrifici e umiliazioni
migliorittene le condizioni
e Loreto se spaccheva la schina
fine a quande se comprette ’n officina

Tanta era la rascia pe’ la moglie lontana
tanta era la voglia de revede’ Liliana
se ‘mbarca assieme a ‘n atra passione
“la Roscia Motoguzzi modello Falcone”

Insomma se a Lorete ci ripiglieva l’arsura
subbite Liliana ci scodelleva ‘na creatura
In Sudamerica parivene du’ gladiatori aje Colosseo
je risultate prima Annamaria e appresse Pompeo

Ma ‘ne giorne la nostalgia italiana
pigliette la famiglia de Loreto e Liliana
revenittene in Italia ch sogni e speranze
‘nsiema aji Marracini se dividittene du'stanze

Insomma a quella casa se ‘na famiglia dormeva
l’atra alla cucina ci magneva
eppure fra tanti problemi niri e grigi
ci scette pure ’n atre gioielle… Gianluigi

Ma je sogne de Lorete era ’n officina
che ‘na casa sopra e Liliana comma regina
complice Ballareglie ch la costrui ch ‘ne momente
e nonno Giuvanne che “strilleva troppe cemente”

Insomma ch j’aiute de j’amiche Silvie
fu edificate ‘ne capannone de sette meraviglie
e Liliana femmena forte
diventette la regina de ‘sta corte

fatta de unità e de tante amore
e ‘na frega de lavore e de sudore
Tre figli allattati tra la benzina grasse e oglie
motori pistuni e tante orgoglie

Tutti e tre hanne fatte progresse
tutti e tre persone de successe
tutti portabandiera di famiglia sana
e tutti gioielli de mamma Liliana

È ancora bella comma la guarde guarde
ottant’anni è ‘ne beglie traguarde
Tutti ‘sti anni ben portati
e oggi lontana dagli tempi tribolati

E mò… zitti zitti ‘ne momente
pare che se sente ‘ne rumore verse je Firmamente
‘ncima a ‘na stella se vede ‘na figurina
e me pare une in tuta blu che saluta da ‘n officina

e n’atre gruppitte sta a festeggia’ ‘ncima alla Luna
e tutti strillene verse de nù “ bonafortuna”
pare ‘ne cantiere tutto in fermente
e n’atre che strilla ancora “troppe cimente”

“Lilia’ …ogge te se vede ca si felice
ch beglie quadre … ch bella cornice
fatta da tutti i figli nipoti e parenti
non manca nisciune… tutti presenti !!”

Augureme mille anni a ‘sta persona schietta
compagna de ‘n ome appassionato di motocicletta
Su i bicchieri e tutti dritti
Hip hip hip per Liliana Venditti

 
Altri articoli...