Home Sonetti

Ultimi sonetti inseriti

I sonetti più letti

Je centre Benessere

 

 

Quando uno vò mette ’n attività

non sa quelle che l’aspetta e le difficoltà

ma de sicure ‘na cosa è certa

nisciune sa se è stata bona la scelta


Allora se chiamano  j meglie artista

magari quije che è piu in vista

Je prime contattate è state ‘n amico

fa  je finanziere ‘ne certe Nico


che  dentro a ‘ne capannone

ci ha ditte” te je facce ije je bancone”

che l’acqua che esce da sotte je vetre

altezza più de ‘ne metre


‘Na perfezione alte ‘ne metre e quaranta

precise pe’ Nico che è uno e novanta

Ricamato de tozzetti d’oro

che a prima vista sembreva ‘ne capolavoro


Ma quande je vede quela pora Arianna

annatre poche non je azzanna

essa che de statura è piccoletta

strilleva   “pe je usa’…me ci vo la scaletta”


Po’ pe’ je falegname teneme papà

Carmine je faceme lavora senza pagà

e se ci da ‘na mane pure Nicola j’aiutante

‘ste locale  è pronte all’istante


Pe’ l’idraulica ci penza  Ercolette

bravissimo je chiamene “je re de je rubinette”

Maurizio e Gianfra elettroaccoppiata incredibile

une è ne corto circuito j’atre scatta comma fusibile


Maurizie controlleva  impianti  ma poche presente

e renfacceva a  Gianfra “si troppe lente”

Gianfranco  ci responneva doppe je  mazze

“ a Maurì. .. mò me si rutte je cazze”


Alle pareti ci penza Gigi

“A zì…  Ajò… co’  li cartongessi faccio prodigi”

dalla Sardegna piglia casa in terra marsicana

‘na scossa de terramute e ci lla spiana !!!


Mauro Cellitte addetto a soffitte e pitture

ne’ giorne se mettette a mette le tubature”

arriva Ercoletto vede quije impiante fatte male

ci corrette appresso fino  a n’ Canale


Nino tra l’ Icastica e le cente società

ci prova ma non ci la fà

Deana se lamenta ca je figlie va a mille

e Osvalde se ‘ncazza e fa scintille


Nino chiama Benedetto forza leste

Arianna ogni sera tè ‘ne preteste

e dice:“che da quande è nata st’avventura

non me fa avvicina’  alla  ‘ncacchiatura”


non ci sta tempe pe’ magna’ …se fa astinenza

fortuna ca ci stà  chi offre l’assistenza

Alessandro che è padrone de ‘ne ristorante

arriveva a  mezzanotte e sfameva tutti quante


Sagnette fettuccine e bistecche

ma se scordeva sempre le forchette

e allora vedive la ciurma magna’ comma i porche

zuzzi  senz’acqua e che le mane sporche


insomma a forza de fa leste

s’arrivette a fa’ i primi  test

Nino chiama Benedetto che faceva je vaghe

“ficeme i collaudi sinnò non te paghe!”


E je schiaffa dentre ‘na stanza scura

e comincia a  regola’  la temperatura

se credeva ca Benedette ci steva a piglia guste

invece  sfummecheva comma n’ arruste


po’ je passette subbite sotte le docce

‘ne schioppe e l’acqua ci sceva dalle saccocce

e je pore Benedetto  steva in ebollizione

e Nino che strilleva “stenghe a regola la pressione!!”


‘N’atre strumente de tortura è la pressoterapia

non ve potete immagina …mamma mia

‘na macchina che pare  te gonfia de cazzotte

risce comma se te fussene gonfiate de botte


Aje bagne turche intre che ‘ne sorrise mmocca

risce cotte comma ‘na mazzocca

e se passe agli raggi ultravioletti

pare che te si fatte i fornetti !!


Centre benessere o centre de bellezza

de sicure ‘ste sistema tè sgrezza

entri a  ‘ste macchine complicate

e isce di lusse  e ‘mprofumate


‘Na sauna tè  fa felice e tè  da la speranza

che te se rengrilla pure je sottopanza

e comma in tempi de magra

che une se piglia je viagra


Quando isce da ‘ste  centre si piu carina

facci caso è  contenta pure la Stella Pellegrina

che  te guarda e te dice comma ‘na vera amica

“ammazza e chi è quella gran fica???”


St’ avventura cara  Arianna

la volive fa co’ Stefania e Giovanna

ma conoscendo je care Nine

te retruve a ‘ste casine


a forza de scrive me sente stanche

sarria bone famme ‘na sauna o ‘ne  fanghe

ma pe’ quelle che ve so’ ditte

so’ sicure che me facete rescì fritte

 

 

je pile

Quande me je pigliette mezze je macchione

non se manche vedeva tra  quiji ricce

me dicette  Marcella: “Te pozze da’ ‘na  soluzione

mò te je pèle accuscì  je spicce”

 

Appena carosette  je cannone

se je remirette propria a guste!

“Scusa  mah sarrà l’impressione

famme remisura’ se i centimetri so’ giuste?”

 

“Sole  che ultimamente Marce’ tè sì lamentata

perché tè retruvi la paparella tutta rossa”

“Pe’  forza!… che ‘sta nerchia esagerata!”

 

“Eh  no’ care mì”… “non è la colpa de se pesce

o comma dici tu la nerchia grossa

ma è le ratta’ deglie pile che recresce!!”

 

 

 

 

Domenico e Filomena II parte

E allora ha decise pe’  Zoffitte  ‘na  grande punizione

che  pe’  sett’otte  e  più  generazione,

tutti i figli  e i nepoti della sua discendenza

hanne da  esse  zitti e boni  pe’  penitenza!!

 

“E  pe’  ‘sta condanna  ‘sti nepoti  hanne da esse  perfetti !!”

“Tè  pù sbatte  ‘n  terra quissi nen putene tene’ difetti

e,  so’ rescite  a  appura’  qualche fregnaccia

però,  “m’ha scita ‘na  lengua comma ‘ne cane da caccia.”

 

‘Na vota s’era infilate che je  cape  a  ‘na ringhiera

Vittorie biastimeva e Domenico  pareva  ‘na cerniera

“Eh …pe’ je libera’ da quela posizione?”

“Vittorie smontette ‘na terrazza ch tutte je balcone!”

 

E sentete quest’atra:  “ ‘na sera verse le tre de notte,

Pina era  calata  alla trattoria  pe’ se fa ‘ne decotte,

Domenico  che rentreva  sempre  tardi  la  matina

sentette  ‘ne strane rumore alla cucina.

 

S’annasconnette  arrete  a  ‘ne mure

e zitte zitte facette  je  112  alle scure

e mentre resalleva  Pina  che  mmane je  bicchiere,

glin  glon  e…  n'  arrivittene … i carabiniere!!

 

“De  Filomena dicene che è più doce de  ‘na zuccheriera”

nen ve fidete!  “A tre anne se scoleva la  caffettiera!!!

N’atra vota se voleva tuffa’ daglie balcone 

indovinete  po’ addò?  Dentre a  ‘ne bidone!!!

 

“Ma mò arrecchieteme  ‘ne momente,

se me permettete voglie cambia’ argomente,

arzete accuande  ‘ne poche la testa

quante è beglie! Ogge je ciele è vestite a festa”.

 

“Le sete  viste quele stelle più  lucente?”

Embe!!  “nen ve sete accorte  gnente?”

“Quele stelle so’ silenziose, nen fanne rumore

e ci   parla’ solamente  che je core.”

 

“Ve credete ca nen ci stanne?” “Ca  so’ assenti?”

“e  invece me dovete crede,  so’ presenti.

Queste so’ anime che  meritane ‘ne grande onore.

e quande stivene in vita hanne lasciate j’addore.”

 

E siccome in Paradise nen paghene la corrente,

pe’  ‘stì spusi hanne appicciate tutte je Firmamente,

“nen je vedete  quije cartellone  sopra alla  Luna?”

Ci sta scritte: “tanti auguri e buona fortuna”.

 

“E sà che cè viste che mò ci steme tutti quante

ma non sarrìa  bone se stappassemme  ‘ne  spumante?”

alla salute nostra e de ‘sta coppia de razza

la meglie che ci stà  ogge alla piazza?

 

‘Ehhh   ‘sta giornata ije non me la scorde

ricordemeci de  ‘ste   du’  lime sorde,

che a vedelle so’ calme …du’  camomille!!

Invece quande stanne ‘nziema fanne scintille!!

 

“E quande se mmischierà  ‘sta passione meravigliosa

daglie  ciele  partirà   ‘na  cometa  azzurro  rosa

e all’improvvise  ‘na cicogna apparirà  dal  nulla

e tè  ‘ntreccia  ’ne beglie  nide  dentre  a  ‘na  culla”

 

“E  quande arriveranno   ‘sti momenti,

Uh mamma !!  Quiji  nonni comma saranne contenti.

se  stregneranne quela meraviglia tra le mani

e all’improvvise  redivinteranne  quatrani.”

 

“Ahooo!  A  forza de parla’ m’ha venute n’arsura

e,  solo  ‘ne  goccitte  de spumante me  la  cura”

“a   basta  n’applause  pe’ chiude  ‘ste  romanze

e a Vittorio e Ettorino:  non ve scordete de paga’ je pranze.!!

 

 

 

 

Domenico e Filomena I parte


 

“Le sì sapute?” “è certe che le  so’ sapute!

A fa’ je gire deglie paese ci ha misse ‘ne minute!”

“isse  fa la  lima sorda !!  Essa se vide comma  j’alliscia

e  mò me parene   cule e camiscia”

 

Ma chi so’  ‘sti  du’ pellastre?

Questa è  ‘na  notizia? O  ‘ne  disastre?”

“Oh  freghete, è ‘na notizia meravigliosa

Domenico è je spuse e Filomena è la sposa!”

 

“A Venere se  dice:  è ma sù, mah  nen sarria  ora?”

e a Luche pure,  ma  quije vagliole  quande s’assora?”

“E le volete sape’ addò  se  so’  ‘ncrociate   ‘ste du’ storie?

Eh  nen ci stà meglie poste deglie  chalet  de Vittorie.”

 

“E allora ve racconte comma ha cominciate ‘ste romanze:

Pina e Vittorie organizzittene  ‘ne beglie pranze”.

Ci stivene tutti  ‘Quelli del Martedì’  ‘nnanzie aje foche

e la tiritera de  ‘sti  picciuni comincette da loche.

 

“Indovinete po’ chi soneva quella sera?

E de chi era quije sorrise comma  ‘na tastiera?”

“Ha capite je sonatore pare che teneva je torcicoglie

Invece je galle cedrone … senteva addore de  moglie,

 

e Filomena  ja  ‘nciocite  ch  du’ mosse  de pette

e  isse  pareva  la palla de ‘ne flipper tra  mille lucette.

“Uh mamma!!   e che te volive vedè,

rimbalzeva comma ‘ne pazze  fra din don e j relè ”

 

“E de chi è la figlia quela bella straniera?”

“Me  so’  ‘nformate è la figlia de Lorella la parrucchiera,

è  de Venere…  è  ‘na  bella  marsicana

però, m’hanne ditte che la famiglia è strana.”

 

“Je padre se chiama Ettorine e lavora alla ferrovia,

( forse era meglie se steva a lavora’ in ortopedia).

Pe’ je pallone è tutte rutte, e pò mah  dico io...

È alte  ‘ne  metre  e mezze e je chiamene “ L'ira di Dio’!”

 

“Però è  ‘ne sgobbone e sa fa’ tutte

e nen se ferma manche che  ‘ne  ginocchie  rutte”

“fortuna che  Lorella la sera je renterza fra le bocce

e che  du’   botte ci resistema i cocce!”

 

Pure i genitori deglie spuse  so’  ’mmezze  ‘ngrippate

Pina ‘ncanta a destra e Vittorio se regge a ferre filate.

“So’ persone  talmente educate , che  quande fanne sesso

Vittorie dice  a Pina:  “c’è permesso?”

 

E quande s’ha sapute de Domenico e Filomena

“Ahoo.” ( Mò  immaggineteve la scena):

Pina pe’ l’emozione ha rutte ‘na pila de piatte

“Oddie !! Pe’ ‘ne mese nen s’ha viste più ‘ne  jatte!”

 

“Alla  casa Filomena ci se aspetteva  ‘ne dramma.

Invece ‘ndovinete po’ che ci ha ditte la mamma?

Me raccommanne  vagliò: rossette, gonna che je spacche,

pette de  fore  e …sedici de tacche !!”

 

“Eh… le mamme quande hanne lavorate,

pe’  vede’  stì  du’ vagliuli sistemate.”

“Vittorie c’ha ‘mprontate  subbite casa e terrene

Ettorine  c’ha  promisse  (Luco Venere)  “je trene”!!

 

“Ma mò parleme de  ‘sti  du’  spusi

te dicevo ca so’ curiusi.

Domenico è musicista e esperto de costruzione,

Filomena  ‘ne future tra l’infanzia e l’istruzione.”

 

Isse de carattere è  ‘ne  tipe piuttoste  zitte,

e nisciune ci crede che è  je  nipote de Zoffijtte.

“Volete sape’ che ci ha ditte je Padreterne aje becchine:

“Nen je chiama’ nonne Nine  ca quisse me v’è a fa’ casine!!”

 

 

 

 

 

 

 

01

1

 
Altri articoli...