Home Sonetti

Ultimi sonetti inseriti

I sonetti più letti

Je profume de Franchine

 

 

E rengrazieme la pergoletta

retorna je miracole alla bocaletta

pure quist’ anne  ‘n cima aje tavoline

se resente je  profume de Franchine

 

Pe’ nù è comma ‘na cannela accesa

che ogni vota ci regala  ‘na sorpresa

ci  fa’ revive quela emozione

che ci ha lasciate ‘n ome oneste e bone

 

E allora  immagineteve  quela luce

pensate a je piacere che essa produce

e non vide l’ora che  l’assagge

comma la sete  prima de ‘ne miragge

 

e quande ‘sta delizia  te arriva ‘mocca

te sinte quaccosa che te tocca

che te stupisce … te fa riflette

e sentì je core che te batte forte ‘n pette

 

Le sangue  ci l’ ha date Vincenza e Franchine

‘na sola vota pe’ affronta’ je cammine

ma della vita  i ricorde invece so’ tanti

basta ‘na lucetta e se r’ illuminane comma brillanti

 

e ‘ste vine è comma quela lucetta

che non brilla dentre la bocaletta

ma appena  la virse aglie  bicchiere

ridona luce  agli  pensiere

 

La vita è ‘ne foglie addò ognune po’ scrive

e remane l’esempie de comma une  vive

chiudi gli occhi e immagina che ‘ste vine

è je meglie testamente de Franchine

 

e allora guardemeci dentre gli occhi

viste che seme le schiappe de stì du’ ciocchi

papà non ci stà più ma ci remane l’incante

 

che queste vine ci je fa rivive’ accante

 

Francesco e Ilaria

 

Se so'  conosciuti a  ‘na  discoteca

“comma te chiami … e a ti che te ‘ne freca!!

ma je si viste je capiglie alla ciappe de cule?

Embè  responnette Ilaria: vide de ije “ affancule”


Appena l’ha vista ha remaste comma Stendhall

“Signorina so’ Francesco … permette ne ball?

so’ de Luche  e so’ d’istinto guerriero

e so’ figlie de ‘ne imprenditore  terriero”


Ilaria  a  sentì la parola “imprenditore”

sfoggette ‘ne sorrise e cambiette de colore

se redette ‘na botta de rossette

e se slaccette pure pe’ se fa  vede’ je pette


Insomma comma je moscone ‘ncima alle rose

“Tu me piaci e quante prima me te spose”

Francische preparette je nide anzi ‘ n  alcova

perché  a  Ilaria  ci voleva sentì l’ova


Pe’ più de n’anne hanne fatte le prove

martella e remartella e rebatte je chiove

“vù vede’ che ‘sa cosa fina comma ‘ne spaghe

me  scodella  ‘na cucciolata comma ne maghe?”


Allora dicette Francische aspetta ‘ne momente

annunceme ‘sta cosa a ‘ne beglie ricevimente

tu  prenota Chiesa e ristorante a Civitella

mentre mamma prepara ‘ne quintale de ciammella


Appuntamente alle scale della  chiesa

prete e compari tutti in attesa

I parenti in frack e batticchiappe

e le signore in pelliccia  e dodici de tacche


Accuscì  ha cominciate  ‘sta  bella  favola

du’ picciuni  e du’ paesi attorne a ‘na  tavola

Tanta musica e momenti  spensierati

In onore de ‘sti campiuni appena sposati


Ma mo’ parleme de ‘sti du’ cavagli de  razza

i  meglie che ci stanne nella piazza

Cominceme da  Francesco figlio di  Felice Caterina

e appresso  Antonio e  lucia  genitori della puledrina


Caro Francesco se parleme de scola

e loche proprio non metteva  òla

tant è  che je padre pe' je fa diploma’

a Pescara  je dovette manna’


Insomma a cagn’a  sorde

se diploma pure chi è storde

alla mamma  ci diceva ca jeva all’Iris  scull

invece tutti i giorni in spiaggia a fa  je  bull


E  se parleme che succedette a ‘na discoteca!!

loche se po’ dì che non ci sta’ chi je freca

pe’  repigliasse ‘ne giubbine remaste all’interne

me dovete crede succedette l’inferne


senza chiavi della macchina e alle cinque de matina

s’arrampichette a ‘na canala comma ‘na faina

se ficchette a ‘na finestra sotte je cornicione

e gli amici aspettivene che ci ropreva  je portone


alle scure e ‘ncioccati de rum e vine

all’attentune retrovittene je  giubbine

Francische prima de scì dette ‘na repassata aje spacce

s’era nascoste sett’otte bottiglie  sotte je bracce


Po’ è arrivate je periode dell’amore

le prime cotte e j colpi de core

le macchine  tutte sfasciate

e le notti passate facenne serenate


gli amici  sciagurati  e le vacanze

le fregnacce e i dolori de panze

ne’ capodanne in Germania  ‘ste poveretto

je passette co’ la febbre a quaranta aje letto


pure alla Spagna succedette ‘n atre case

ci scoppiette le sangua aje  nase

ottocento euro l’autombulanza pe’ intervenì

dicette Dionisio  Francì: a se prezze  t’ha da morì


Ilaria se pe’ la luna de miele volete parti

pe’ ‘na vota  deteme retta a mì

pigliete in affitto una ambulanza

oppure aje ospedale prenota  la vacanza


e mò passeme alla sposa ‘ste fior de tamerice

ma comma facce che ci pozze dice

alla scola era ‘na secchiona

me l’ha confermate la sua amica Simona


de carattere è brillante

simpatica   e frizzante

ci piace de corre ogni momento

e fina come è … po’ corre pure controvento

 

‘ne giorne a Castel di Sangro jette  a lavora’

questa è bella ve la devo racconta’

pe’ la troppa neve ci  s’era gelate la berlina

daglie cofane dovette entra’  la poverina


ha studiate tanto pe lavora’ in sanitaria

ma pe’ colpa della crisi se retrova a fa l’agraria

tra  le piantine dentre la serra

ha pigliate la passione per la  terra


sarria bone che qualche amica de  Civitella

raccontasse de essa qualche storiella

accuscì se completa la vita de sta coppia

e je spettacolo se raddoppia


Ma mo voglie parla seriamente

voglie esprime ne pensiere a chi non e presente

che pe’ volontà de je destine

non po’ esse qui vicine


ma so’ sicure  che pure la luce de ‘na  fiammella

quande sale  in cielo diventa ‘na stella

e mo ci sta a guarda’ da sopra alla Luna

e stà a strilla : tanti auguri e buona fortuna


E allora gustemeci ‘ste momente  delicate

appicceme mille candeline comma ‘ne ciele stellate

‘n armonia de sottofonde e che ‘ne momente

‘sta sala all’improvviso diventa  je Firmamente

 

Le mamme e i padri so’ silenziusi

se vede so’  felici  pe’  ‘sti  du’  spusi

pure issi stanne a frije pe’ l’emozione

sarrà colpa de ‘sta atmosfera o de sta canzone?



oppure stanne preoccupate

pe je cunte troppe salate?’

‘ste beglie spettacolo che è comma ‘ne romanze

Felì …chiama Antonio e jete a paga je pranze


e a nù ci remane  pe’  consolazione

ca  seme state propria  bone

a  sta giornata piena de felicità

non potavemme propria manca’


e allora in alto i bicchieri e tutti in coro

ci rivediamo alle nozze d’oro

e se ci  steme  tutti quanti

pure a quelle de diamanti !!

 

La pulenna

Voglie fa ‘ne penziere che la penna

a  ‘na cosa che se chiama la pulenna

quela meraviglia che se fa in cucina

e che è simbole de la cultura contadina


A tutte le case addò se prepara ‘sta delizia

se crea quije miracole che fa l’amicizia

fatte de spensieratezza e  d’amore

che te rescalla  l’anima e je core


‘sta ricetta per tutti e comma ‘na medicina

‘n elisir  de piacere e goduria sopraffina

In  bianche che je sughe e saveciccia

e la salute all’improvviso te reciccia


E se l’accompagne che ‘ne vine genuine

te revè quije spirite cavalline

che quande t’arriva mmocca

te se ravviva pure la rascia pe’ la gnocca


Ma se capite alla casa de Giose

uhh mamma!!  se complicano le cose

te cride “basta scalla’ l’acqua e cala la farina?”

none… isse come sempre t’attacca  ‘na manfrina


comincia che ‘ne rituale strane:

“la semola ca da esse de Magliane

pasta roscia e appena macinata

e  che non sia  assolutamente repassata”


je gas? ”ha da sape’ regola’ la fiammella!!”

e a chi je sente ci se rencoppene le bodella

e quande une  è più cioccone de  ne mule

se becca sempre je prime “affancule”


Appena l’acqua  sale a  temperatura

ecchete che comincia ‘sta avventura

Giose se piazza ‘nnanzie a quije cotture

pare  je maghe Otelma quande fa le fatture


arza le mane comma  ‘n pazze alchimista

solo isse sa fa la pulenna d’artista

je pascione j’ha da gira sempre a ‘ne verse

sempre uguale e mai de traverse


la semola “l’ ha da mette solo Pina”

e guai se je pascione se sporca de farina

Pe’  ‘n ora  continua ‘ste tormente

e tutti zitti pare che steme a ‘ne convente


Luigione sbuffa che pare ‘ne verre in calore

Errica  nell’attesa fa je sughe de pommidore

Vittorio e Pina  poche distante

non putene biastima’ pe’  je Spirite Sante


Piero intante  reveglia Elisa aje divane

Agostine nell’attesa s’ha magnate ‘ne ciste de pane

Domenica  viste che sta sempre a dieta

dalla casa s’ha portate carote e bieta


Domenica di Felice  sta preoccupata

se pe’ colpa de sta lengua se rovina la serata

Vagliò  stai calma: “ ije sono ‘ne  spirito pure

e m’esprime meglie nnanzie aje cotture”


Doppe tre quarti d’ora

sta meraviglia se colora

la pulenna  intante soffia e borbotta

se sente …se sente: è quasi cotta


‘ne addore se sparge pe’  tutta  la  cantina

e s’allenta la tenzione alla cucina

pronti in fila che mane le scifelle

parte  l’emozione delle nostre bodelle


Esce Giose  pare ‘ne stracce

pe’ la fatica ci se n’ha scite je vavacce

ch  n’applause se sa revè contente

perché piace pure a isse  ‘sta bella  gente


all’improvvise sona l’adunata

l’ampolla de san Gennare s’ha squagliata

je miracole pure a ‘sta casa se rinnova

e affronteme  de pette ‘st atra  prova


‘na cascata de ragù de pummidore

dona  colore  a quele  scifelle d’ore

tutti pronti e forchetta ‘n mane

e  ‘na nevicata de parmigiane


Viste che so’ ‘ne malate de penna

so’ volute onora’  a mode mì  “la pulenna”

stappete  le vine e offretemele  dentre ‘na coppa

perché se sa la pulenna  spesse  attoppa


Un brindisi senza scorda’  la prossima adunanza

affinchè steme bone de ciocca e pure de panza

Care  Giose pure se in cucina me pari ‘ne pazze

continua accuscì … le reste non ci ne frega ‘ne cazze !!

 

 

Franca Baliva

 

A Luco ci sta ‘na persona che è accusci solare

che de sicuro nasconde 'n animo regale

quande la vede non se po’ spiega’

un angelo…un angelo senza età.


Quande parla tè  ‘na grazia

che je sguarde te je sazia,

e quele labbra  quela  occa

pare ‘ne cofanitte de cristalli de rocca,


e gli occhi  du’ perle nere

che quande te fissene

te piglia ‘na vampata de calle

e rischi ch  t’ammale comma Stendahll.


E je coglie?  pare ‘ne capiteglie

che sorregge ‘ne vise propria  beglie,

ma je pezze forte me le dovete permette

è quela meraviglia che tè aje  pette,


‘na terra de conquista

che te fa revenì la vista

du’ cornucopie piene d’abbondanze

addo’  ogni pensiere diventa ‘ne romanze.


Non se resce  a staccargli j’occhi addosse

e je sguarde me va a quele belle cosse

ogni passo  è  ‘na danza di bolero

e je profilo pare scolpite da Botero.


Ma chi è ‘sta sirena incantatrice,

‘ste fiorfiore de tamerice,

‘ste  cammeo simbolo d’amore

che cattura ogni core?


Ma è  Franca !!…Franca Baliva!!

'ne zampille de fonte sorgiva

‘na cascata vellutata d’acqua fresca

che quande te la bive te renfresca.


J’affette mì  je so’ espresse in rima

perché pe’ essa tenghe tanta  stima.

Cara Franca frasi d’amore me sì chieste:

e dalla ciocca mè  ha scite… queste!!!!


 

Armando e Clelia

Armando e Clelia

In dialetto luchese


E  a settembre giorno ventune

tutti uniti  pe’  ‘ne  grande radune

pronto je spuse  elegante la sposa

aria de festa alla casa di Fabio e Rosa


De sonetti ‘ne so’ fatte più  de  trecente

chi s’ha ‘ncazzato e chi non ci ne fregate niente

I  so’ scritti in dialette e  in italiano

ma mai  me credeva de farlo in marsicocubano


E sì perché per raccontare  ‘sta  bella storia

me so’ dovute spresce tutta la memoria

pe’ Clelia e Armando che so’  i  du’ attore

protagonisti de ‘sta bella favola d’amore


lei  è d’estrazione marsicana

e lui  ‘ne stellone de razza cubana

mò  tu immagina Clelia e Danila all’Equatore

sulla spiaggia  te passa ‘ste marcantonie de colore


je rapporte è comma ‘na tellina e ‘na vongola verace

appena viste ci se fiocca e je rempiette de basce

Danila  che dormeva sotte aje ombrellone

dicette “ma chi è ‘ste beglie conchiglione?”


“Se chiama Armando  e viene da Guanabacoa”

e ci se abborritette comma ‘ne serpente boa

Sarrà  state la luna sarrà state je mare

dicette  Clelia a Danila ” me vu’ fa’ da commare?”


“Ma comma facce ci vò pure je compare?”

aho …all’istante non te passa n’atre pesce de mare?

se chiama Fernando e  co’ du’  mosse de pette

subbite trovette je compare perfette


“Mò je problema era dille a mamma

quela comma l’appura de sicure me scanna”

ma all’arrivo della notizia. “Ma che tutti i marsicane

dicette  Rosa: te dovive piglia’ propria ‘ne cubane?


Insomma Rosa strilleva: “propria non me rassegne

e a  Fabio ci venivene le tregne

Ma appena  arrivette Armando a San Pelino

l’ esclamazione de Rosa fu: “ma quande è carino” !!


Subbite appiccette  je furne e che du’ botte

preparette  ‘ne quintale de ciammelle e  biscotte

e je povero  Fabio “ahoo … non ci pozze crede

voleva fa ‘na strage …e mò ha avvisate je prete”


Clelia è la terza ed è  proprio ‘na brava figlia

Federico e Daniele completano ‘sta bella famiglia

tutti  nati da due che non conuscene  je sesse

infatti Fabio a ogni figlio chiedeva: “c’è permesse?”


Ai spusi voglie chiede se se putene piglia’  ‘n impegno

io allargo le braccia ma  proprio non me rassegno

“ma a Cuba  a quest’isola accuscì bella

pe’ Daniele  se po’  trova’   ‘n anima gemella?”


Ma mò  parleme deglie spuse è cubano

è ‘ne sportivo appassionato di pallamano

Quest’isola  non è solo spiaggia sole e mare

ma è la terra dove ha lasciate le persone piu care


Je padre Jerardo mamma Assuncion

pure da lontano  ci  danne la benedizion

e non basta la poesia o il fascino della rima

a spiegare j’affette che tiene per nonna Mima


e se sa je core delle mamme e delle nonne

deglie sentimente so’ le colonne

e non ci sirvene  j collegamenti

sangue e cuore per i figli  so’ sempre presenti


e a ‘ste momente pure se Cuba è molto distante

a casa di Jerardo  stanne a  stappa’ je  spumante

per tutte je quartiere se fa una grande festa

a passo de rumba con Mima in testa


caro Flaiba  qui  sei il benvenuto

guarda quanta gente per farti un saluto

per consegnarti  una cavallina di razza

la meglio che ci stà nella piazza


sii Ambasciatore d’amore  e fatti onore

e porta sempre Cuba nel   cuore

e  ricordate che a fianche della bandiera cubana

ci  fà  una gran bella figura quella italiana


E tu cara Clelia hai una grande responsabilità

che tutti i genitori stanno ad  aspetta’

si troppa secca e sarria meglie che divinte tonna

farai felice Chunchi  e Rosa e Mima sarà bisnonna


Chiudo con un brindisi ai sposi e a ‘sta bella  storia

concludo in spagnolo perche è finita pure  la memoria

"Notros no queremos  che usted sean el suegno

de mil noches sino la realidad de todos los dias"



 
Altri articoli...