Home Sonetti

Ultimi sonetti inseriti

I sonetti più letti

Il pappagallo di Grilla

Quando Gabriele l'ha portato a Donatella
pareva un gomitolo de lana flanella
e a lei, alla prima stretta,
ha lasciato un ricordo sulla maglietta.

"Amo', ho pensato di farti un regalo carino!"
"Embe', e te presenti con un pulcino?!
Ma chi ti ha dato 'sto consiglio geniale?"
"Amo', ho dato retta a Pasquale!"

"E chi è Pasquale ?"- "Un amico de famiglia!
che in amore ce sa fa' e me consiglia"
"E ce poteva mette un minimo di imballo,
una scatoletta, un fiocchetto giallo!!"

"E invece te presenti con un peluche strano,
che me caca addosso e me piscia in mano!"
"Amo', mo te spiego e te risolvo 'sto giallo,
l'amico mio, mo te lo dico, è un pappagallo

che c'ho a casa, de razza cenerino,
certo non m'aspettavo 'sto casino!
Cara Donatella, tu sei la luce, la mia stella!"
"Embè, me ripaghi co 'na  pollastrella?"

".. nu' cazze, amore mio! 'Ssi quatte pile!
l'ho fatti venì direttamente dal Brasile.
Parla canta fischia e suona
per di più è di indole burlona

"Ma aspetta   che diventa grande,
lui è come l'uccello dentro le mutande:
quando è piccolo non dà emozioni
ma crescendo  darà tante soddisfazioni!"

E allora strignilo forte al petto
e ogni giorno circondalo d'affetto,
amalo come un figlio e abbine cura,
ti riempirà d'amore, come 'na creatura.

Anzi diamogli un nome, a 'sta bestiola,
Donatella rispose:lo chiamerò Nicola!"
"Come il santo famoso per le tre palle?!"
"Sì!! Nome azzeccato, pe' nu pappagalle!"

E fu così che cominciò 'sta avventura bella
dentro casa de Gabriele e Donatella,
La quale voleva sentire  la prima parola,
ripeti Nicoola, Nicoola, e parla, Nicoola!"

davanti al pennuto, che sbucciando semi
pensava: "Madonna, ma chi so' 'sti du' scemi?
Eh sì, questi due sono  proprio fusi!
meno male che stanno rinchiusi!"

e mandava a fanculo l'altro tropicale,
"Ma non se poteva fa' i cazzi suoi, Pasquale?"
"Qui me tocca parlare per salva' la pellaccia,"
cominciò: "bravo", "barca", e qualche parolaccia

Ma Nicola aveva anche un altro difetto
raccontava ciò che succedeva a letto,
e "daglie, lecca, spigni, ancora ancora!",
registrava dei piccioni ogni parola

E quello che succedeva fra le lenzuola,
lo sa' Gabriele, Donatella ... e pure Nicola.
"Amo', me sa che seme fatte 'na stronzata!"
"Eh sì, perché mò s'è girata la frittata!"

"Nicola, credo che soffre di gelosia
e per di più ci pure spia
Come mai quando ti ribatto la carrozzeria
- e sto lì lì, che rischio un ischemia"

lui strilla forte: "Daje, spigni, ancora ancora!
e se sentono gli applausi di Castel di Tora?!
E se s'accorge che fò cilecca?
mi piglia per culo e me pure becca?

"No no, io devo difendere la reputazione
e risolvere questa situazione!"
"Io sono maestro blasonato  di (du' botte),
e qui vengo umiliato come  Don Chisciotte.!!"

"Ora quello che succede sotto le lenzuola,
non lo deve sapere più Nicola!
a letto ci sarà  e un altro uccello
che - intendiamoci - non è un fringuello!"

"ma sò che piace tanto a Grilla,
per di più non parla e non strilla,
e così ci siamo tolti dall'imbarazzo
e Nicola... s'attacca al cazzo!"

"Anzi, col pennuto, ci ho fatto un patto:
o fa il bravo, o compro un gatto
che risolverà all'istante la situazione
"volete sapere come?... in un sol boccone!"

 

Inviato dal mio Galaxy
 

la sensibilità

‘Ne giorne chiedette ‘ne parere,

se conoscivene je significate vere

de ‘na parola facile quande se ne parla

ma difficile ‘na frega da spiegarla.

Eppure se pronuncia che ‘na grande facilità

ecche, ve la presente, è la Sensibilità.

È ‘na parola che non la pù tocca’ che le mane

ma se la tì dentro non te manca mai le pane.

Se presempie aje core tì le fiele

e fa comma Caine ficette ch Abele,

sta parola dentre a tì non ci po’ sta’

pure se a forza ci la vù ficca’!

Non la tè chi p’ammucchia’ i sorde

de cose belle nen tè ricorde,

fa soltante ‘na vita da pezzente

e quande more ‘n se porta niente!

La sensibilità la tè chi capisce le persone

se so’ opportuniste oppure bone,

te fa capì ‘n amiche che se trova in difficoltà

e ci dì ‘n aiute perché tì la possibilità.

O quande vide quele facce magre africane

e te c’arrabbie ca non ci pù da’ ‘na mane,

e pò se spinnene pe l’armi i miliardi

pe’ mantene’ je potere degli ricchi boiardi!

Quele popolazioni so’ senza diritte

e pe la fame non se riggene manche ritte,

costringene le femmene sotte ‘na zanzariera

pe’ colpa de ‘na religione farza e menzogniera!

Quante chiese so’ piene de gente fanatica

che la carità non la mittene mai in pratica,

portane je vestite da ‘ne milione

e ch ‘na faccia tosta se fanne la comunione.

La sensibilità è ‘ne sentimente

che je tè chi vò bene veramente,

e chi non se sciacqua la coscienza

ch dù avemaria e ‘na penitenza.

Essa se vede a ‘na corsia d’ospedale

se a fianche a ‘ne malate sà ess solidale,

e non la tè chi nen dà le sangue pe’ paura

che se mpressiona ‘nnanzie a ‘na puntura!

Ch le lacrime e che ji piante

nen s’aiuta chi abbisogna de trapiante,

se ne core batte dentre a ‘n atre pe’ sorte

è contente chi ci j’ha date, ha fregate la morte!!

Se qualche vota rinuncie aje fine settimana

pe’ non lassa’ sola ‘na persona anziana,

essa te fa commove ‘nnanzie a ‘ne misciglie

comma ‘na mamma che c’ha nate ‘ne figlie.

La sensibilità tè sole ‘ne difette,

è comma ne specchie che riflette.

E se non tì n’anima onesta e sincera

te rivela ca non sì ‘na persona vera!

Ije ci so’ provate ‘sta parola a spiegarla,

ma fine a quande a ‘ste munne se sole parla

e appresse n’n se fanne i fatti,

me pare de sta’ dentre a ‘na gabbia de matti!!

Luco dei Marsi, 2 ottobre 2002

 

Je spaccone

Ca sa' vive ca sì internazionale

ca sì je meglie fiore deglie mazze

ma pe' mì tu si 'na testa de cazze

ch  manche mezza lira non le vale!

 

Tè 'mpomate e te mitte je recchine

te mitte la camscia all'ultima moda

dici che pe' tì ogni femmena se sbroda

e po' scupi sole se cacci i quatrine!

 

esse je prime è quelle che vù

se pàrle tù te doveme crede?

ma vaffancule! e vacci a pède

senza rompe je cazze a nù!

 

Tu non si padrone de sapienza,

si solo 'ne spaccone de bravura

che non sa' gnente de cultura

perchè sa' capoccia de sale è senza!

 

Cerca de esse 'na persona modesta,

quacchevota usa pure je core,

'mparete a offrì ogni tante 'ne fiore

la via giusta ...crideme è questa.

 

E se ancora non capisci  'ste parole

l'opinione mè mò te le confesse

e j'uteme consiglie te denghe appresse:

vaffancule... e vacci da sole!!.

 

 

 

Je virus 3 la vendetta

 

 

E più de 'ne mese che steme in gabbia,

seme tutti nervose e pieni de rabbia.

chiusi in casa comma pesci aglie acquarie

e rebattezzeme tutti i santi deglie calendarie


Ogni tre quattro giorni esce 'ne decreto Conte

Cittadini! se s'abbassa je picche teneteve pronte

Ma comma!! Antonè!! oh questa è bella!!

po' dice che te se attorcigliene le bodella!!


So' sempre sapute e mia moglie è presente

che se non s'arrizza non succede gnente!!

E po' che centra je cazze co' sta pandemia?

Angeloooo!! Ma che si capite o gesummaria!


Questa è 'na grande infezione!!

ma la sinte la televisione?

è la statistica de chi sta male!

e de chi entra e esce daje ospedale!


Quande la linea roscia cala basse

è bona pe' andà tutti a spasse

quande invece la linea se 'ngrilla

vordì ch sta disgrazia ancora c' assilla!


Perciò care mì lassa perde je picche

pe' ste guaie non sirvene pasticche

ma funziona sole che 'ne sistema

e va combattute tutti assiema.


Chiusi e tranquilli dentre casa

ascise 'nnanzie a 'na bella spasa

de fettuccine tartufo e vine

accuscì stì lontane da 'ste casine


Però recordete de tenè a mente

quelle che sta a succede veramente

e quande pù mette i pede fore

recordete de chi ha lottate con onore.


È mo' so' serio... non scherze più

Troppa gente non ci sta' più,

troppi drammi dentre alle corsie

e je silenzie che urla per le vie.


Più de cento morti alla sanità

e questa gente se deve rispettà.

Ije facesse 'ne calendario originale

ogni giorne dedicato a 'sti eroi d'ospedale


Almeno seme sicure che a 'ste disgrazie

issi hanne fatte veramente miracoli e grazie

Invece de le lacrime delle madonne de gesse

fatte apposta pe' rimbecillì i fesse


Piglieme esempio dagli alpini

sempre presenti e sempre vicini

Hanno costruito in 10 giorni un ospedale

cento letti e non l'ha detto je telegiornale


Questi so' i nuovi santi d'ogni giorno

a cui non sirvene i baciacorone attorno

Alla faccia de chi pe' dieci posti lette

cerca i voti pe' esse rielette


Quanti errori della politica assente

quanti se so' camuffati da serpente

Pe' 'ne vote accidissene pure la mamma

e non tacciono manco 'nanzie a 'ste dramma


Fanne a gara a renfacciarsi le responsabilità

ancora non è finita e tutti i giorni a litiga',

mentre la gente soffre fame e sete

e alle preghiere non ci crede manche je prete


Ije le facesse veramente le votazioni

ma quando ci stanne queste situazioni

allora vedeme chi veramente è fregno

e chi de quela carica è veramente degno


Hanno chiuso tutto non se lavora

persone che la fame li divora

costretti a chiede aje Comune la spesa

e pe' i poveri sindaci aiutarli è un impresa


Perché chi tè orgoglio e dignità

aje comune non ci va a bussà

stregne i denti e spera

che non se retorna alla borsanera


Caro virus permettimi un' osservazione

viste che me avvie alla conclusione

si fatte piazza pulita furune furune

non si date retta a nisciune.


Si fatte spari la droga e delinquenza

si redate valore alla beneficienza

si renfrescate l'aria dai carburanti

e hai finti eroi come calciatori e cantanti


Si azzittate predicatori de acquasantiera

e ci sì refatte annamorà della bandiera

Pe' piacere fa finì però 'sta clausura

perchè ci seme cacate sotte pe' la paura

 

Je virus filosofo

 

Scimmaleditte, ma da do' si arrivate?
Non po' esse che je Patreterne t' ha create
e che ha fatte tutte 'ste casine
'ne virus fatte da 'na palla piena de spilline!

“E che cazze!” dico io,
ma mi chiedo: “ma addo' sta Iddio?”
Ma comma, isse che dovrebbe da j'esempie
de 'ste munne sta a fa 'ne scempie!

E so' tre mesi che sta a trebbia',
ma scusa, eh...addò cazze vò arriva'?
Si fatte j' ome a immagine e somiglianza
e mò t' ha venute 'ste prudore de panza?

Te si misse che 'na sarrecchia
a fargià solo la gente vecchia
e se mezze a l' erba ci capita 'ne fiore
tu ...ch fà? je spiane comma 'ne rasoie?

Capisco che ci vù fa paga' i peccati nostre,
ma tu ci stai a tratta' comma Cagliostre:
è risapute che era 'ne furfante
e pe' l Europa n'ha combinate tante.

Ma frequenteva i cardinali... e le sapete!!
Viste che s' ha mparate alla scuola de ji prete,
era massone veggente e nobile muratore
e ca sapeva trasforma’ le piombe in ore.

Fine a quande l'Inquisizione e Pio Seste
firmò la sentenza e finì a j'arreste
e je mannette alla torre de S. Leo pe' pena
a sconta' a vita tutta la quarantena.

E doppe morte, ci taglittene pure la capoccia,
che la usivene i polacchi pe' gioca' a boccia.
Allora mi domande, care mie,
è accuscì che se comporta Die?

Si cominciate dalla Cina,
ci si fatte consuma 'ne mare de Amuchina
e, doppe ch si 'nfettate tutti i continente,
nascunne la mane e fa finta de gnente?

Certo noi non ci seme comportate bone
e tra de nù ci sta de sicure qualche coglione,
che arrobba e che s' arricca
e perde le cervella persine pe' la picca.

La politica non tè più morale:
je sane non aiuta chi sta male.
Ogni occasione è bona pe' fa la guerra
e ci accideme pe' 'ne metre de terra.

Sotte aje vaticane è pieno de barboni.
Te pare giuste vedegli a quele condizioni?
E po' vide i cardinali abità a certi palazze,
ma comma poesse ca non te 'ncazze??

“Tutti a casa!” dice la legge,
ma chi non la tè ...chi je protegge?
S'addormene fra i cartuni tutti clandestine,
senza 'ne pezze de pane e senza medicine.

Lo so: ognune de nù è peccatore,
de destra de sinistra d' ogni colore.
Penzeme solo a je nostre interesse
e j'atri che so'... tutti fesse?

Mò che 'ste virus ci ha misse in difficoltà,
dimostreme seriamente se teneme dignità,
ma doveme essere tutti uniti
e cominceme a manna' affancule i partiti.

A issi e chi j commanda,
tutti ladroni de 'na stessa banda!
Piglieme esempio dalla brava gente,
quella che aiuta e non dice gnente.

Guardeme dentre aje ospedale
quante dolore e quante male!
Pora gente dentre 'na busta de plastica
a fa' fronte a 'na situazione drastica.

E loche dentre se vede jome de valore,
dentre a 'ne camice portate con onore,
senza armi e appena 'na mascherina
contro 'ste male che non ci sta' medicina.

A quiji infermieri a quiji camici bianchi
sempre presenti, eroi e mai stanchi,
che danne sollieve e benefice
a chi sta affrontenne 'ne gran sacrifice.

Coperti comma i palombare,
tante ore senza bere senza pisciare,
perché je virus è pericoluse che quiji spilli
'ncoppa pure issi comma birilli.

Padretè...perchè ci si riservate sta sorte?
E perchè tutte 'ste casce da morte?
Ma comma ca si Onnipotente?
Poesse ca non ci pu' fa gnente??

Me sa ca tu si tutta n'invenzione
e non ci pù salva da 'sta infezione.
Tu si frutte della fantasia umana
assieme a qualche figlie de puttana

che da sempre, da quande esiste je munne,
a nome tì all'Umanita ci fa je giratunne
Ch 'n ostia, ignoranza, incenze e croci d'ore
je popole è pecora e issi so' i pastore.

Allora sarrìa ora che piglieme coscienza:
'ste dramma je pò risolve sole la scienza!
'ste virus forse tè 'ne prege: ci fa riflette...
useme l'intelligenza ca je Munne è perfette!

 

 

 

 
Altri articoli...